Clicca per ingrandire

Sede di Como
Viale Massenzio Masia, 30

 

Sede di Cermenate
Via Gramsci, 23

• NOTIFICA ATTO TRIBUTARIO A DESTINATARIO IRREPERIBILE
16/11/2018

La validità della notifica della cartella di pagamento, effettuata nei casi di irreperibilità cosiddetta "relativa" del destinatario, disciplinati dall’art. 140 c.p.c., è necessario non soltanto l’inoltro al destinatario della raccomandata informativa del deposito dell’atto presso la casa comunale, ma anche la sua effettiva ricezione sempre da parte del destinatario.
Corte di cassazione,...

• PEC - OBBLIGO DI MANTENERE ATTIVO L'INDIRIZZO ANCHE DOPO LA CESSAZIONE DELL'ATTIVITA'
14/11/2018

Successivamente alla cessazione dell'attività, l’imprenditore è obbligato a mantenere attivo l’indirizzo di posta elettronica certificata comunicato all’INI-PEC, per un anno decorrente dalla cancellazione stessa: lo prevede l'art. 33 del nuovo Codice delle crisi d'impresa, approvato nei giorni scorsi in via preliminare dal Consiglio dei Ministri (in attuazione della Legge 19 ottobre 2017, n. 15...

• CREDITO ERARIALE RICONOSCIUTO IN GIUDIZIO - PRESCRIZIONE DECENNALE
12/11/2018

La Corte da cassazione, con ridinanza n. 28730 depositata il 9.11.2018, ha affermato che, dinnanzi a sentenza passata in giudicato che riconosca un credito, opera il termine di prescrizione decennale.

• SENTENZA - NOTIFICA A MANI
22/10/2018

La Corte di cassazione, con l'ordinanza n. 22865/2018, ha affermato che la consegna a mano al Comune della sentenza da parte del contribuente, fa scattare il termine breve per proporre appello. I 60 giorni scattano anche se la sentenza non è stata notificata a mezzo posta o tramite ufficiale giudiziario. Per i giudici, l’esame della ricevuta di consegna della sentenza notificata risulta correda...

• CONTENZIOSO TRIBUTARIO - ATTI IMPUGNABILI
08/10/2018

Sono impugnabili innanzi al Giudice tributario tutti gli atti che contengono una pretesa dell’Amministrazione, anche se non indicati espressamente nella norma processuale, la cui elencazione non è tassativa ma esemplificativa. Quindi sono contestabili anche gli avvisi di pagamento bonari.
Lo ha affermato la Corte di Cassazione con l’ordinanza 22222 del 12 settembre 2018.

   
Archivio News
apinadesign, 2007
Mappa_di_Cermenate Mappa_di_Como